Fai decluttering e vivi felice!

Settembre  è per me come l’inizio di un nuovo anno, con tanti desideri da esaudire,  la pianificazione di nuovi progetti da realizzare e la necessità di fare spazio per accogliere il nuovo.

Questo settembre inizia con un progetto emozionante per la casa di Anna (olè!), ma ciò che più mi coinvolge è soddisfare la sua richiesta, quasi una richiesta d’aiuto che a luglio suonava così: “la mia casa mi soffoca, io sono solare e dentro queste stanze mi sento oppressa, voglio demolire tutto per renderla più spaziosa”Vedere le immagini della sua casa, leggere la sua storia e confrontarle con la sua persona mi hanno fatto riflettere ancora di più su quanto gli spazi che ci circondano possano influenzare i nostri stati d’animo.

Così ho pensato di condividere con te l’azione primaria di questo progetto, perché la casa di Anna ha sicuramente bisogno di un intervento, ma l’incipit lo deve dare proprio lei, facendo emergere i suoi desideri!

Il primo passo è quello  di avere la consapevolezza di ciò che ti piace!

Per fare questo le ho consigliato di iniziare a fare un leggero decluttering negli ambienti che più utilizza, selezionando gli oggetti in base alle emozioni che le trasmettono.

“Anna, prima di tutto, liberati da tutto ciò che non rispecchia più il tuo modo di vivere la casa, il tuo stile d’arredo e la tua personalità!

Ma io non ho ancora uno stile!

Non occorre avere uno stile per provare emozioni positive e se guardando una sedia l’unica emozione che senti è quella di un ricordo lontano che non ti fa stare bene, quella va eliminata o trasformata! Se invece ti provoca gioia, tienila! Il tuo stile emergerà di conseguenza.”

Al rientro delle vacanze  abbiamo fatto una lunghissima chiacchierata su skype  ed  abbiamo scoperto, che a differenza della sua iniziale richiesta, la casa di Anna non ha necessità di  una ristrutturazione totale ma di un personalizzato restyling, per farla respirare al suo ritmo, in base al suo stile di vita.

Mi ha riferito che l’esercizio consigliato ha già avuto i suoi risultati e quindi, prima di  iniziare  il restyling vero e proprio, continueremo con un  approfondito e liberatorio decluttering.

Liberatorio? Si! Perchè il decluttering è terapeutico.

Ordine, organizzazione e pulizia permettono di fare spazio sia nella tua mente che negli ambienti in cui vivi , soprattutto domestici e lavorativi, dove è necessario sentirsi a proprio agio per il proprio benessere e per stimolare la creatività.

E’ fondamentale in ogni intervento di interior  e, in alcuni casi, solo questa azione modifica la percezione degli spazi che ti circondano donando anche la serenità necessaria per vivere all’interno di essi.

Prima di pensare ad un restyling massiccio, di acquistare arredi nuovi, di modificare i colori delle pareti o ancora di entrare in confusione perché non sai quale stile ti è più affine,  ti consiglio di effettuare un energico decluttering, eliminando tutti quegli arredi e oggetti, piccoli o grandi, che hai posizionato nei tuoi ambienti chissà da quanto tempo.

Come quel vaso con i fiori finti, posizionato nella mensola della tua cucina o gli innumerevoli faldoni accatastati sotto la tua scrivania, che risiedono lì da talmente tanti anni, che ormai nemmeno li vedi.

Ma loro ci sono! E se anche visivamente non li vedi perché hai fatto l’abitudine, la loro presenza influenza negativamente il tuo benessere  ed il tuo piacere a vivere in quell’ambiente, con il limite di non lasciare spazio al cambiamento.

Il circondarsi di tanti oggetti porta ad uno affollamento di pensieri,  eliminandoli permetti al nuovo di entrare, la casa respira ed anche la mente, come dopo una passeggiata  rigenerante all’aria aperta.

Il disordine e la disorganizzazione tolgono energia, tempo e spazio.

Ti svelo le 8 mosse per un decluttering con i fiocchi e se ti piacciono falle tue, perfezionale a tua misura:

  1. Immagina di essere in un centro commerciale e di passeggiare nei negozi, questi sono le stanze della tua casa, entra in una stanza alla volta  ed individua quella più armoniosa, dove ti senti a tuo agio, e quella più confusionaria dove ti viene mal di testa ogni volta che entri.
  2. Inizia proprio da quest’ultima, come? Prendi tutti gli oggetti visibili, posizionati sopra il mobilio, libri, candelieri, peluche, ecc., posizionali in un punto della stanza e osservali i tutti assieme, così capirai subito quello che non ti piace più  e quello che ti piace, ma non è posizionato al posto giusto. Un consiglio è quello di selezionare gli oggetti in base al colore a te più affine, oppure in base allo stile scelto per il nuovo arredamento.
  3. Continua con tutti gli oggetti non visibili, conservati dentro i mobili,  come  lampadine, campioncini di varia natura, piatti sbeccati, svuota un mobile  alla volta, cassetti compresi, ed anche questi oggetti posizionali in un punto dove puoi avere una visione d’insieme, vedrai che ci saranno oggetti che non ricorderai nemmeno di avere.
  4. Utilizza lo stesso procedimento con i mobili e con i complementi d’arredo: sedie, tavoli, cuscini, tappeti e tutto il resto dell’arredo. Valuta la loro  utilità, l’ abitudine ad averli o il loro utilizzo reale.
  5. A questo punto devi mettere in atto tutta la tua determinazione e scegliere cosa eliminare, salvare o valorizzare. Sii decisa, son avere ripensamenti!
  6. Per ogni selezione fatta, elimina dalla tua vista gli oggetti e gli arredi che non vuoi più tenere in casa, riponendoli in degli scatoli appositi, che potrai conservare nel garage (per un breve periodo) oppure donarli.
  7. Gli arredi che più ti piacciono ma non sono in sintonia con il tuo stile puoi trasformarli, con il colore e con i tessuti, quelli che sono in stile li posizionerai al posto prescelto e poi inizierai a fare lo styling con gli oggetti di decorazione.
  8. A questo punto sei pronta per goderti la tua nuova casa ed anche la tua mente ti sta ringraziando. La senti fischiettare? E’ felice e spensierata, questo è il segno che il decluttering era proprio necessario.

Ma se desideri un maggiore cambiamento, allora questo è il momento migliore per iniziare il restyling, ricordandoti sempre che “less is more”!

P.S. Ti raccomando gioca d’anticipo con il prossimo decluttering evitando di accumulare oggetti, magari  acquistati senza l’effettiva necessità.

Dopo questa chiacchierata sei già in azione con il decluttering? O è gia ora  di un restyling ?  

Raccontami nei commenti il tuo rapporto con l’organizzazione degli spazi e se hai bisogno di una spinta chiedi pure, qui facciamo tutti l’ola per te 😉

 

Foto di

https://www.stocksy.com/alilaneng


 

Consigli di stile per vivere la tua oasi felice

Iscriviti alla newsletter e una volta al mese ti do consigli e trucchi per personalizzare i tuoi ambienti.
Scarica subito in regalo l’ebook Fai emergere il tuo stile.